InnaMORAti dell’Arte

Piacevole serata quella di domenica scorsa, svolta in quel di Angri, al Ritrovo degli Artisti, curata dall’Associazione Culturale “Fratelli De Rege”, inaugurazione stagionale della rassegna teatrale InnaMORAti dell’Arte ideata e realizzata dall’attrice Evelina De Felice. Sul palcoscenico, allestito in ampio spazio all’aperto, gli attori Giovanni Allocca ed Enzo Varone, protagonisti dello spettacolo “…Vieni avanti cretino. Omaggio a Napoli e ai suoi artisti”, nel corso del quale si sono prodotti in scenette che ripigliavano certe semplici ma efficaci modalità umoristiche di un tempo, basate su frizzi, lazzi, incomprensioni e distorsioni lessicali, riportando alla mente figure comiche del passato, mai dimenticate, come Totò, Mario Castellani, Peppino De Filippo, Walter Chiari, Carlo Campanini o Nino Taranto.

A rimpinguare lo spettacolo, la voce e la tastiera elettronica di Sasà Benitozzi e gli interventi dell’attrice Carmen Pommella. Ad arricchire la serata, l’esposizione dei particolarissimi oggetti e capi di abbigliamento realizzati da Benedetta Iovino con foglie vegetali opportunamente lavorate e la mostra d’arte estemporanea di Orsola Supino.

L’iniziativa nasce da riunioni amichevoli all’ombra di una pianta di more, come lascia trasparire il titolo, e dalla sensibile percezione, da parte di Evelina De Felice, di una istanza di socializzazione indomita, a dispetto di ogni pandemia, che l’attrice ha acutamente coniugato alle preclare virtù del teatro.

Gli applausi che hanno coronato l’incontro e le risate che ne hanno costellato lo svolgimento restano la migliore conferma della bontà dell’idea e della sua felice realizzazione.

Sabato prossimo, “Il cane di fuoco. Spettacolo di cunti e canti di mare e di terra, fiabe green, dark, rouge, ma soprattutto bio”, di, e con, Massimo Andrei, che si esibirà con la fisarmonicista Eduarda Iscaro.

Rosario Ruggiero

A Roma la mostra “Touch Nature”

13Cambiamenti climatici, inquinamento da plastica dei mari, cibo sprecato e trivellazioni selvagge: l’arte nell’era del Covid scende in campo per denunciare e contrastare la distruzione dell’ambiente per mano dell’uomo.

Il Forum Austriaco di Cultura di Roma, diretto da Georg Schnetzer, ospiterà dal 15 settembre al 15 novembre 2021 TOUCH NATURE, la collettiva di artisti austriaci e italiani   concepita da Sabine Fellner e curata dalla stessa con Adriana Rispoli. Pittura, grafica, fotografia, scultura, installazioni e video sono i mezzi utilizzati dagli artisti per affrontare i nodi dell’ambiente, di cui l’uomo è diventato il fattore determinante. “Con l’inizio dell’industrializzazione – spiega Sabine Fellner – l’idea di un addomesticamento della natura si è fatta sempre più consistente. Ma l’intervento sempre più esteso dell’uomo nei processi biologici, geologici e atmosferici della terra significano non solo la perdita progressiva della natura incontaminata come risorsa emozionale, ma anche la distruzione degli habitat, l’ingente estinzione delle specie nonché le crisi umanitarie, politiche ed economiche”.

Da qui l’idea di riunire artisti austriaci e italiani sensibili al tema, che con le loro opere, realizzate negli ultimi quindici anni,  “formulano azioni di resistenza contro lo sfruttamento globale delle persone e contro lo spreco delle risorse – continua Fellner – ed elaborano strategie che incoraggiano un radicale cambiamento di prospettiva, con visioni piene di speranza per una riconnessione dell’uomo alla natura. Rappresentare ed esplicitare gli interventi distruttivi nella natura è, infatti, una strategia artistica”.

La mostra intercetta il trend “ecologista” che l’arte manifesta da tempo e che la pandemia da Covid-19, con l’evidente drammatico cambiamento delle nostre vite, ha reso ancor più urgente. “La Natura  – aggiunge Adriana Rispoli – non è più materia prima, medium o specchio, ma, come testimonia una nuova generazione di artisti di ogni latitudine, un’esigenza primaria manifesta nella necessità di riavvicinarsi ad essa, nel ricercare un doveroso equilibrio, nel rileggerne la forza propulsiva facendosi portavoce della sua potenza e soprattutto della sua fragilità. La nostra mostra si inserisce in un proliferare di eventi espositivi iniziato già da alcuni anni a livello globale, che mischiando generazioni, aree geografiche e modalità espressive, dimostrano quanto la tematica ambientale sia presente nell’orizzonte dilatato dell’arte contemporanea. Ma la tempestività del momento, settembre 2021, un periodo di apparente transizione tra un’era pre e post Covid, fa di Touch Nature, e naturalmente degli artisti coinvolti, un caposaldo da cui ripartire”.

 

Orari di apertura al pubblico:

16 settembre – 15 novembre 2021

lun – ven, ore 9.00 – 17.00

Nei seguenti giorni le opere esposte nella biblioteca non saranno accessibili:

16, 17, 22, 23 settembre

24 settembre (fino alle ore 14.00)

21 ottobre

22 ottobre (fino alle ore 15.00)

3 novembre (a partire dalle ore 15.00)

4 novembre

Chiusura:

26 ottobre (Festa nazionale austriaca)

1 novembre (Ognissanti)

 INGRESSO GRATUITO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA

Per prenotarsi scrivere a prenotazione.forumaustriaco@gmail.com indicando nome e cognome e numero di telefono. La prenotazione sarà valida solo con una email di conferma.

Per accedere alla mostra è necessario esibire la Certificazione verde COVID-19 (Green Pass, in formato digitale o cartaceo) o presentare il referto negativo di un tampone antigienico o molecolare effettuato nelle 48 ore precedenti, insieme a un documento di riconoscimento valido. Le disposizioni non si applicano ai bambini di età inferiore ai 12 anni e ai soggetti con certificazione medica specifica.

All’interno obbligo di indossare la mascherina e distanziamento interpersonale di almeno 1 metro. Le sale hanno una capienza contingentata nel rispetto della distanza fisica prevista per la sicurezza dei visitatori.

Emilio Salgari, il fascino e l’avventura

“Fino a sei anni volevo fare il tranviere, poi a otto ho incominciato a leggere Salgari. Così iniziai a scrivere dei racconti”, così  ha scritto del narratore romanziere torinese, che ha regalato un ciclo fantastico di racconti, Umberto Eco.

Un’immaginazione straripante quella di Emilio Salgari grazie alla quale ha dato vita a tanti famosi lavori che hanno accompagnato ed accompagnano tuttora intere generazioni con i loro protagonisti: Sandokan, Yanez, la Perla di Labuan, Kammamuri, il Corsaro Nero, Jolanda la figlia del Corsaro Nero,  e tantissimi altri immortalati anche dal cinema e dalla televisione.

Trame avvincenti, eroi invincibili, pirati, luoghi esotici e misteriosi, terre lontane, dove in effetti non andò mai ma che seppe descrivere in maniera mirabile grazie ad un grande lavoro di documentazione e studio.

Una vita dedicata alla scrittura anche se avrebbe voluto diventare capitano di gran cabotaggio e solcare i mari vivendo avventure. Una vita non facile, gravata dalla malattia della moglie e da problemi economici nonostante la ricca produzione letteraria, che culminò con il suicidio seguendo il rito giapponese del seppuku, più conosciuto come karakiri, a soli 48 anni. Una grande perdita per la letteratura.

Le sue opere vengono riproposte da RBA nella collana composta da 60 uscite in edicola in un’edizione prestigiosa con la riproduzione delle copertine originali in stile Liberty realizzate da alcuni degli illustratori più importanti del Novecento come Alberto Della Valle, Pipein Gamba, Gennaro Amato, Carlo Chiostri o Giuseppe Garibaldi Bruno.

La prima uscita è stata Sandokan alla riscossa illustrato da G. Amato. La prossima “Il Corsaro Nero”.

Alessandra Desideri

Regine e ribelli, protagoniste della storia

RBA ha dedicato una collana alla storia al femminile. Figure illustri, donne di potere, che molto hanno amato e molto hanno sofferto, con “Regine e ribelli”, un focus sulla vita di donne passate alla storia.

L’opera propone “una collezione unica che riscatta le loro vite e i loro ritratti”. L’intento è quello di scardinare “l’immagine delle nostre protagoniste che è stata forgiata nel tempo, mettendo in discussone l’iconografia esistente, per costruire il loro profilo più fedele  con la consulenza di storiche riconosciute”.

Un modo per rileggere e riscoprire le grandi donne del passato, per meglio comprendere attraverso loro luoghi, momenti, episodi, immagini, e, soprattutto la loro storia, i tempi in cui vissero.

Apre la collana Cleopatra, a seguire Lucrezia Borgia.

La Divina Commedia per i bambini

Quest’anno si celebrano i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri e la Hachette Fascicoli ha deciso di realizzare una pubblicazione, con uscita periodica nelle edicole, “La Divina Commedia per bambini”.

Un adattamento originale destinato ai bambini per avvicinarli al grande Vate scritto con linguaggio semplice e positivo facendo conoscere i principali personaggi dell’Inferno, Purgatorio e Paradiso. Due le prestigiose firme per illustrazioni e testi.

Le illustrazioni sono di Fabiano Fiorin e con le immagini veicolano oltre al testo il messaggio e accompagnano i giovani lettori a scoprire il famosissimo poema dantesco, capolavoro della nostra letteratura conosciuto e tradotto in tutto il mondo.

I compagni di Dante nel suo viaggio sono personaggi famosi e meno famosi, buoni e cattivi, scelti da Paolo Pellegrini che ha realizzato anche i testi della collana arricchita da una Guida all’opera per i genitori e una tavola poster per ogni cantica.

Antonio Desideri

 

 

Le prime fiabe: una collana per i piccoli lettori

Inizia con “Il Re Leone” la collana edita da Hachette Fascicoli “Le mie prime fiabe”. Una collana in 100 uscite in edicola che accompagna le piccole lettrici e i piccoli lettori alla scoperta del fantastico mondo delle avventure e delle fiabe con i personaggi Disney. Un’immersione nel mondo dei più grandi successi Disney ispirati a grandi capolavori, volumi ricchi di illustrazioni che i genitori possono leggere ai loro piccoli o che i più grandicelli possono scoprire leggendoli.

La scoperta del mondo attraverso le avventure e a volte le  disavventure dei personaggi preferiti aiuteranno i piccoli a comprendere e vivere diversi stati d’animo ed emozioni, una ricca possibilità di crescita anche grazie ai valori positivi e i tanti esempi educativi di cui sono ricche le storie. “Gli esempi positivi aiutano ad acquisire fiducia in se stessi e stimolano i comportamenti corretti anche nei bambini più piccoli”. I titoli dei primi 15 libri in vendita in edicola:  Il Re Leone, Biancaneve e i sette nani, Il Libro della Giungla;  Bambi; Dumbo; Aladdin; La carica dei 101; Toy Story; Cenerentola; Le Avventure di Peter Pan; Bolt – Un eroe a quattro zampe; Chicken Little – Amici per le penne; La Principessa e il ranocchio;  I tre porcellini; Ratatouille.